Il Nostro Statuto

Statuto della
ASSOCIAZIONE SPORTIVA E CULTURALE
“ANTHROPOS”
Società Sportiva Dilettantistica

Articolo 1 – COSTITUZIONE E SCOPI
1. E’ costituita la Associazione Sportiva e culturale denominata:
Associazione Sportiva e Culturale Anthropos – Società Sportiva
Dilettantistica;
in breve: A.S. e Culturale Anthropos – oppure in sigla: A.S. Anthropos;
Essa è priva di personalità giuridica ed è disciplinata dagli art. 36 e
seguenti del codice civile in materia di associazioni.
2. L’Associazione ha sede a Civitanova Marche (MC) in Via Regina Margherita n. 26;
3. Con delibera del Consiglio Direttivo possono essere istituite una o più sedi secondarie (denominate “Sezioni”).
4. L’Associazione ha per oggetto l’esercizio e la promozione di attività sportive e culturali per disabili, la gestione di corsi e di centri di avviamento allo sport, la partecipazione a tornei e manifestazioni sportive aperte ai disabili, l’organizzazione di manifestazioni e tornei e di ogni altra attività che incrementi la pratica e lo sviluppo dello sport per i portatori di handicap, nonché l’organizzazione di attività formative volte al miglioramento della vita dei disabili. L’Associazione potrà effettuare tutte le operazioni di natura mobiliare, immobiliare, commerciale e finanziaria utili al conseguimento dell’oggetto sociale. L’Associazione svolge la propria attività con le finalità e con l‘osservanza delle direttive della FISD (Federazione Italiana Sport Disabili) di cui ne accetta ed implica lo statuto ed i regolamenti ed ogni disposizione emanata dai competenti organi federali.
5. L’Associazione non ha fini di lucro ed è estranea ad ogni questione politica, religiosa e razziale.
6. L’Associazione garantisce l’effettività del rapporto associativo e la sua uniformità; Possono avanzare richiesta di adesione all’Associazione tutti i Cittadini Italiani.

Articolo 2 – I SOCI
1. L’Associazione è costituita da un minimo di 11 soci.
Qualora, successivamente alla costituzione, tale numero diminuisca esso deve essere reintegrato dal Consiglio Direttivo nel temine massimo di un anno.
È fatta esclusione ai soci la temporaneità della partecipazione all’associazione.
Ogni persona che voglia aderire all’Associazione deve farne richiesta scritta al Consiglio Direttivo indicando Cognome e Nome, luogo e data di nascita, indirizzo, recapiti.
2. Ogni socio per consapevole accettazione, assume l’obbligo di osservare lo statuto ed i regolamenti sociali e federali e si impegna in particolare:
a) ad osservare con lealtà e disciplina le norme che regolano lo sport;
b) a partecipare alle attività e alle manifestazioni sociali;
c) a contribuire alle necessità economiche sociali;
d) a non adire ad autorità che non siano quelle sociali o federali per la
tutela dei propri diritti ed interessi e per la risoluzione di
controversie di qualsiasi natura connesse all’attività espletata
nell’ambito dell’associazione;
e) a pagare la quota associativa annua (Tessera).
3. La qualifica di socio cessa per:
a) recesso dall’associazione, da attuarsi mediante comunicazione
scritta al Consiglio Direttivo. Il recesso ha effetto con lo scadere
dell’esercizio sociale in corso, purché la comunicazione sia fatta tre
mesi prima;
b) esclusione, per inattività continuativa per due o più anni o per
passaggio ad altro sodalizio sportivo;
c) radiazione, quando questi non ottemperi alle disposizioni previste
dal punto 2 del presente articolo e/o per morosità nel pagamento
della quota sociale per due anni consecutivi senza giustificato
motivo.
La quota sociale è intrasmissibile e non è rivalutabile.
4. L’esclusione e la radiazione di un socio deve essere deliberata dal Consiglio Direttivo e ratificata dall’Assemblea dei soci;
5. I soci si distinguono in:
a) soci effettivi;
b) soci aderenti;
c) soci benemeriti;
d) soci sostenitori.
6. Sono “soci effettivi” le persone che hanno partecipato alla costituzione dell’associazione e coloro ai quali successivamente, dietro specifica richiesta, il Consiglio Direttivo abbia attribuito tale qualifica;
7. Sono “soci aderenti” coloro che abbiano domandato di far parte dell’associazione per svolgere attività sportiva e la cui domanda sia stata accettata dal Consiglio Direttivo;
8. Sono “soci benemeriti” le persone denominate dal Consiglio Direttivo per particolari benemerenze acquisite nel campo dello sport, della cultura e delle attività pubbliche;
9. Sono “soci sostenitori” coloro che contribuiscono volontariamente alle attività dell’associazione sostenendola anche economicamente.

Articolo 3 – MEZZI ECONOMICI
1. La Associazione provvede al conseguimento dei suo fini con i contributi dei soci e di terzi, con le entrate delle manifestazioni e delle quote sociali, con le entrate per contributi pubblicitari e sponsorizzativi, per affitto di impianti sportivi e sociali, con le entrate per le quote di partecipazione e frequenza dei corsi organizzati e con le entrate da convenzioni sottoscritte con enti pubblici;
2. L’esercizio finanziario fa riferimento all’anno agonistico (precisamente dal 1 agosto al 31 luglio). Il bilancio consuntivo, accompagnato dalla relazione del Consiglio Direttivo, deve essere approvato dalla Assemblea dei Soci;
3. E’ fatto divieto di distribuire, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale durante la vita della Associazione, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge.

Articolo 4 – ORGANI SOCIALI
1. Gli organi sociali sono:
a) la Assemblea dei Soci;
b) il Presidente;
c) il Consiglio Direttivo;
d) il Collegio dei Revisori dei Conti;
e) il Collegio dei Probiviri;

Articolo 5 – ASSEMBLEA DEI SOCI
1. L’Assemblea dei Soci è il massimo organo dell’Associazione.
Essa delibera soltanto sugli argomenti posti all’ordine del giorno in
occasione della sua convocazione;
2. L’Assemblea dei Soci si riunisce in seduta ordinaria una volta all’anno, entro 120 giorni dal termine dell’esercizio sociale, per l’approvazione del bilancio consuntivo composto da un rendiconto economico e finanziario e dalla relazione del Consiglio Direttivo, nonché entro il 30 del mese di novembre successivo al termine del quadriennio olimpico, per eleggere il Presidente, i Consiglieri e gli altri organi sociali che rimangono in carica per un massimo di 4 anni, salvo durata inferiore deliberata dall’assemblea, e sono rieleggibili.
3. L’Assemblea dei Soci è indetta dal Consiglio Direttivo e convocata dal Presidente. La comunicazione di convocazione deve essere pubblicata mediante affissione nella sede sociale almeno 20 giorni prima della data fissata e deve contenere l’indicazione della data, delle ore e del luogo di svolgimento e l’ordine del giorno dei lavori.
4. Tutti i soci maggiorenni e che godano dei diritti civili hanno diritto ad un voto e possono farsi rappresentare da un altro socio. Ciascun socio non può rappresentare più di due soci. Non possono partecipare all’assemblea dei soci coloro che risultino colpiti da sanzioni (federali o sociali) ancora in corso di esecuzione e che non siano in regola con le quote sociali;
5. L’Assemblea dei Soci è valida in prima convocazione con la presenza della metà dei soci che hanno diritto di voto. In seconda convocazione, un’ora dopo, qualunque sia il numero dei soci presenti. Le deliberazioni dell’assemblea dei soci sono valide se prese a maggioranza dei voti espressi al momento della votazione esclusi gli astenuti. Per deliberare lo scioglimento della società sportiva e le modifiche dello statuto sociale occorre il voto dei due terzi dei soci;
6. Sono eleggibili alle cariche sociali tutti i soci maggiorenni e che godano dei diritti civili;
7. Il Presidente della Assemblea è il Presidente della Associazione e verrà assistito da un segretario da lui designato.

Articolo 6 – MATERIE RIMESSE ALLA DECISIONE DELLA
ASSEMBLEA DEI SOCI
1. L’Assemblea dei soci decide sulle materie riservate alla sua competenza dalla legge e dal presente statuto, nonché sugli argomenti che uno o più amministratori o tanti soci che rappresentano almeno un terzo della compagine sociale sottopongano alla sua approvazione.
2. In ogni caso sono riservate alla competenza dell’Assemblea dei soci:
a) l’approvazione del bilancio;
b) la nomina degli amministratori (Consiglio Direttivo) e del Presidente
della Associazione;
c) la nomina dei collegio dei revisori dei conti, del presidente del
collegio dei revisori e la nomina del collegio dei probiviri;
d) le modifiche dello statuto;
e) la decisione di compiere operazioni che comportano una sostanziale
modificazione dell’oggetto sociale o una rilevante modificazione dei
diritti dei soci;
f) la ratifica delle esclusioni e delle radiazioni dei soci;
g) le decisioni in ordine allo scioglimento della società, la nomina
dei liquidatori e i criteri di svolgimento della liquidazione.

Articolo 7 – IL PRESIDENTE
1. Il Presidente ha la legale rappresentanza dell’Associazione e presiede l’Assemblea dei Soci ed il Consiglio Direttivo;
2. Egli provvede alla direzione e gestione della Associazione in conformità delle delibere della Assemblea dei Soci e del Consiglio Direttivo;
3. In caso di urgenza e necessità il Presidente può provvedere su materia di competenza del Consiglio Direttivo, salvo a sottoporre le sue decisioni alla ratifica del Consiglio nella prima successiva riunione;
4. In caso di assenza temporanea le sue attribuzioni ed i suoi poteri vengono esercitati dal Vice Presidente.

Articolo 8 – IL CONSIGLIO DIRETTIVO
1. Il Consiglio Direttivo è composto dal Presidente, dal Vice-Presidente e da un minimo di 1 ed un massimo di 7 consiglieri, secondo la scelta operata dall’Assemblea in sede di nomina. Il Vice-Presidente, qualora non sia stato nominato dall’Assemblea dei Soci in sede di rinnovo cariche sociali, viene nominato dal Consiglio Direttivo al suo interno nella prima seduta dopo il suo insediamento. Esso dirige e gestisce l’Associazione, delibera sull’attività da svolgere e sui programmi da realizzare. Ad esso spettano tutti i poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione, esclusi quelli che dalla legge o dal presente statuto sono riservati all’Assemblea. Procede alla redazione dei bilanci consuntivi composti da un rendiconto economico e finanziario e da una relazione accompagnatoria, nonché dei bilanci preventivi; amministra il patrimonio e le rendite sociali; stabilisce la quota sociale; approva i regolamenti sociali e può nominare commissioni o commissari, conferire incarichi per il raggiungimento dei fini sociali e delegare parte delle sue attribuzioni e poteri ad 1 o più dei suoi componenti. Ratifica o meno i provvedimenti di sua competenza emanati in casi di urgenza e necessità dal Presidente;
2. Il Consiglio Direttivo è convocato dal Presidente o, in caso di sua inattività, su richiesta di almeno due/terzi dei consiglieri in carica;
3. Per la validità delle riunioni è richiesta la presenza della maggioranza dei suoi componenti. Le delibere sono prese a maggioranza dei presenti. In caso di parità di voti prevale quello del Presidente;
4. Nel caso di cessazione, per qualsiasi motivo, di uno o più consiglieri non costituenti la maggioranza del Consiglio, lo stesso provvede a sostituire il/i consigliere/i venuto/i a mancare. Il/i consigliere/i così nominato/i resta/no in carica fino alla prossima Assemblea dei Soci;
5. Nei casi di dimissioni del Presidente e/o della maggioranza dei componenti il Consiglio Direttivo, il Consiglio rimane in carica temporaneamente per la ordinaria amministrazione e per la convocazione, senza indugio, dell’Assemblea dei Soci. Nel caso di assenza del Presidente, le attribuzioni dello stesso vengono assunte
dal Vice Presidente;
6. Gli amministratori non possono ricoprire cariche sociali in altre società e associazioni sportive nell’ambito della medesima disciplina;
7. La carica di amministratore è gratuita. Ad essi può spettare unicamente il rimborso delle spese sostenute per il proprio ufficio;
8. Il Consiglio Direttivo deve convocare, senza indugio, l’Assemblea in seduta ordinaria qualora venga richiesto da un/terzo dei soci ed in seduta straordinaria qualora venga richiesto da due/terzi dei soci.

Articolo 9 – IL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI
1. Il Collegio dei Revisori dei conti è composto da 3 membri effettivi e 2 supplenti. Il Collegio dura in carica secondo la previsione della durata del Consiglio Direttivo;
2. I componenti del Collegio non hanno requisiti professionali imposti ed hanno i poteri stabiliti dal Codice Civile per le società a responsabilità limitata.

Articolo 10 – IL COLLEGIO DEI PROBIVIRI
1. Il Collegio dei Probiviri è composto da 3 membri.
E’ un organo facoltativo e la sua presenza o meno è deliberata dalla
Assemblea dei soci in sede di rinnovo cariche sociali.
In caso di nomina rimane in carica per la stessa durata del Consiglio
Direttivo.

Articolo 11 – SANZIONI DISCIPLINARI
1. A carico dei soci che vengono meno ai doveri verso la Associazione ed a una condotta conforme ai principi della lealtà, probità e rettitudine sportiva possono essere adottate le seguenti sanzioni disciplinari:
a) la deplorazione;
b) la sospensione;
c) la radiazione;
2. Le sanzioni disciplinari sono deliberate dal Consiglio Direttivo. La sanzione disciplinare della radiazione deve essere ratificata dalla Assemblea dei Soci.

Articolo 12 – SCIOGLIMENTO
1. Lo scioglimento dell’Associazione è deliberato dall’Assemblea generale dei soci, convocata in seduta straordinaria, con l’approvazione, sia in prima che in seconda convocazione, di tanti Soci che rappresentano almeno i 2/3 della compagine sociale. Così pure la richiesta dell’Assemblea generale straordinaria da parte dei Soci, avente per oggetto lo scioglimento dell’Associazione deve essere presentata dai 2/3 della compagine sociale;
2. Causa di scioglimento potrà essere la mancata ricostituzione del numero minimo dei soci come indicato al punto 1 dell’art. 2;
3. In caso di scioglimento dell’Associazione, l’Assemblea fissa le modalità della liquidazione e provvede alla nomina di un o più liquidatori fissandone i poteri ed i compensi;
Il residuo attivo che emergesse dalla liquidazione dovrà essere
obbligatoriamente devoluto ad altra associazione o ente avente scopi
simili, o alla FISD o al CONI.

Articolo 13 – DISPOSIZIONI FINALI
1. Per tutto quanto non contemplato nel presente statuto sociale, vigono, se applicabili, le norme stabilite dal CONI e dalla FISD.

AGENZIA DELLE ENTRATE
Ufficio di MACERATA
Sezione Staccata di CIVITANOVA MARCHE
Registrato al N. 101909
Mod. III Addì 29/11/2004